Il primo libro in Italia
sulla storia del Tecnico della Prevenzione (Vigile Sanitario)
Un secolo di vigilanza sugli alimenti
 
FIRMA LA PETIZIONE PER LA RIVALUTAZIONE INDENNITA




> UNPISI SCRIVE a OOSS, ARAN e Governo per rivalutazione indennità di polizia Giudiziaria> LEGGI
 
Da oggi www.ispettorimicologi.it
si fa in due
nasce il sito www.tecnicidellaprevenzione.eu
per i Tecnici della Prevenzione
che operano nel campo della sicurezza alimentare
Cosa aspetti?
>Collegati


www.tecnicidellaprevenzione.eu www.tecnicidellaprevenzione.eu www.tecnicidellaprevenzione.eu www.tecnicidellaprevenzione.eu www.tecnicidellaprevenzione.eu www.tecnicidellaprevenzione.eu www.tecnicidellaprevenzione.eu

 
06 LUGLIO 1890 - 01 LUGLIO 2018
La Festa dei Tecnici della Prevenzione

Date storiche:
- 06 Luglio 1890 festa dell'istituzione della nostra categoria Vigili Sanitari (Tecnico della Prevenzione)
- 01 Luglio 2018 prende avvio il processo d'iscrizione dei Tecnici della Prevenzione agli Albi Professionali presso l'Ordine TSRM-PSTRP.

Una pagina indelebile nella storia della nostra categoria è stata scritta il 14 luglio 1966 quando il presidente della Repubblica Giuseppe Saragat, alla presenza del ministro della Sanità, Luigi Mariotti consegnò a Lionello Rizzatti (8.12.1919- 19.06.2010) Presidente dell'UNVISI (Unione Nazionale dei Vigili Sanitari d'Italia), la medaglia d'oro al merito della sanità:

«per l'attività che la stessa ha svolto, nel campo della prevenzione delle frodi e sofisticazioni alimentari, degli inquinamenti ambientali, inconvenienti igienico sanitari e dell'abusivismo delle arti ausiliarie».


SCARICA ARTICOLO:>Le coincidenze del destino. La festa dei Tecnici della Prevenzione

(foto: Cav Lionello Rizzatti e segretari nazionali UNVISI (UNPISI) Presidente della Repubblica Giuseppe Saragat)
 
ALBO dei TECNICI DELLA PREVENZIONE
Dal 01 LUGLIO 2018 si parte...

Da tale data prende avvio il processo d'iscrizione dei Tecnici della Prevenzione agli Albi Professionali presso gli Ordini TSRM-PSTRP

Per iscriversi, si potrà procedere attraverso il portale www.tsrm.org, cliccare sul pulsante “Procedura d’iscrizione dei professionisti agli albi istituiti con D.M. 13 Marzo 2018” ed effettuare la registrazione inserendo i dati anagrafici: nome, cognome, data e luogo di nascita, codice fiscale, residenza, domicilio professionale, indirizzo di posta elettronica, ev pec, recapiti telefonici.

Una professione, ora al pari di tutte le altre professioni intellettuali Una professione al servizio della Sanità Pubblica dal 1890
Dott. Giovanni Rossi
micologi@ispettorimicologi.it
 
TARTUFI
competenza delle ASL sulla commestibilità e riconoscimento dei tartufi

La recente nota del Ministero Salute DIGISAN prot 0019826 del 10.05.2018 afferma che spetta alle ASL (SIAN Ispettorati Micologici) la verifica dell'idoneità al consumo umano dei tartufi (funghi ipogei), richiamando che le ASL sono a livello locale Autorità Competenti (D.gvo 193/2007).





Peccato che gli Ispettorati Micologici sono nati (legge 352/93 e DPR 376/95) per il riconoscimento dei funghi epigei per prevenire gli avvelenamenti anche il percorso di studi per l'ottenimento dell'attestato di Micologo (DMS 696/96) non prevede tra i compiti quello del riconoscimento dei fungi ipogei
La Legge 16 Dicembre 1985, n. 752 "Normativa quadro in materia di raccolta, coltivazione e commercio dei tartufi freschi o conservati destinati al consumo" prevede che:
"L'esame per l'accertamento delle specie può essere fatto a vista in base alle caratteristiche illustrate nell'Allegato 1 e, in caso di dubbio o contestazione, con esame microscopico delle spore eseguito a cura del Centro Sperimentale di Tartuficoltura di Sant'Angelo in Vado del Ministero dell'Agricoltura e delle Foreste, o del Centro per lo studio della micologia del terreno del Consiglio Nazionale delle Ricerche di Torino o dei laboratori specializzati delle Facoltà di Scienze Agrarie o Forestali o di Scienze Naturali dell'Università mediante rilascio di certificazione scritta".


Forse il Ministero della Salute dovrebbe rivedere il DMS 686/96 ormai superato, in una laurea specialistica "Micologo" inserendo anche queste nuove competenze e inquadrando i micologi in professionisti specializzati.
 
Prontuario Sanzioni Dlgs 231/2017
inerente alla disciplina sanzionatoria sull'etichettatura degli alimenti

E' stata pubblicata la disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del regolamento (UE) n. 1169/2011 che entrata in vigore il 09/05/2018 e abroga il vecchio Decreto legislativo 109 del 1992
>SCARICA IL DECRETO 231 del 2017

>SCARICA IL PRONTUARIO PUBBLICATO DAL MIPAF

>SCARICA NOTA SANZIONI e DIFFIDE MIPAF

>SCARICA RELAZIONE REGIME SANZIONATORIO REG CE 1169/2011 e 1924/2006
 
Rischio legato alla presenza
di larve di ditteri in funghi epigei

Parere del Comitato nazionale per la sicurezza alimentare, pubblicato sul sito del ministro della Salute

> SCARICA Parere CNSA n. 21 - Rischio legato alla presenza di larve di ditteri non vitali e non visibili ad occhio nudo in funghi conservati

> SCARICA IL MIO ARTICOLO PUBBLICATO SULLA RIVISTA ALIMENTI
 
CORSO DI FORMAZIONE
PER MICOLOGI 2018
XII Corso Nazionale di Addestramento e Formazione
per l’ottenimento dell’attestato di Micologo
ai sensi del Decreto M.S. 686/96


> SCARICA IL MODULO D'ISCRIZIONE

> SCARICA LOCANDINA
 
Corso aggiornamento nazionale
MICOLOGI 2018

Il Gruppo Micologico e Botanico “Valle del Savio”
di Cesena promuove la realizzazione di
un Corso nazionale di Aggiornamento e Approfondimento
per micologi pubblici e privati.


> SCARICA IL MATERIALE
 
I CORSO NAZIONALE
PER MICOLOGI 2018
ASPIIN, Azienda Speciale Internazionalizzazione e Innovazione della Camera di Commercio di Frosinone, con il patrocinio della ASL di Frosinone, organizza la
I EDIZIONE CORSO DI FORMAZIONE PER Micologo

>SCARICA LA LOCANDINA
 
I Controlli sull'igiene
dei Ristoranti


In questi giorni numerose testate giornalistiche hanno riportato la notizia dei controlli effettuati dai Carabinieri del NAS congiuntamente ai Tecnici della Prevenzione dell’ASL in alcuni ristoranti di Torino, in particolare nel noto bistrot del chef di Antonino Cannavacciuolo...

>Scarica l'articolo completo
(FOTO: fonte BBC "Food Inspector")
 
PRONTUARIO SANZIONI AMMINISTRATIVE MOCA
Decreto Legislativo 10/02/2017, n. 29 concernente la “Disciplina sanzionatoria per la violazione di disposizioni di cui ai Reg (CE)
n. 1935/2004, n. 1895/2005, n. 2023/2006, 282/2008, n. 450/2009 e n. 10/2011, in materia di materiali e oggetti destinati a venire a
contatto con prodotti alimentari e alimenti”.


> SCARICA IL PRONTUARIO
 
PRONTUARIO SANZIONI AMMINISTRATIVE
REGOLAMENTO CLAIM ETICHETTATURA REG UE 1924/2006 SULLA SALUTE E SULLA NUTRIZIONE

> SCARICA IL PRONTUARIO
 
Novità per i controlli
sulla sicurezza alimentare (2017-2018)

Oltre a questa notizia storica, nel corso dell'anno sono state pubblicate numerose normative nazionali e comunitarie che cambieranno nel prossimo futuro le competenze nel settore del controllo ufficiale nel campo alimentare, in particolare: il Reg Ce 625/2017 ha abrogato diversi Regolamenti compresi 854/2004 e 882/2004. Viene armonizzato il quadro normativo globale sui controlli ufficiali.

I controlli ufficiali riguarderanno tutte le fasi della produzione, della trasformazione e della distribuzione di animali e merci interessati dalla legislazione alimentare, l’etichettatura e la pubbilictà anche dei prodotti biologici e di delle denominazioni di origine protette, delle indicazioni geografiche protette e delle specialità tradizionali garantite.

Il Decreto Legislativo 7 febbraio 2017, n. 27 che disciplina le sanzioni in tema di indicazioni nutrizionali e sulla salute (Reg UE 1924/2006) che individua le ASL come Autorità Competente preposta all’accertamento delle violazioni e delle relative sanzioni. Potranno agire anche in seguito alla segnalazione di irregolarità da parte di soggetti privati prima se ne occupava l’'Autorità Garante Concorrenza e Mercato.

A dicembre Il Consiglio dei Ministri, ha approvato il 'decreto legislativo recante la disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del regolamento (UE) n. 1169/2011, relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori e l'adeguamento della normativa nazionale, in questo caso l’Autorità Competente è stata individuata nel Dipartimento dell’Ispettorato centrale della tutela della qualità e repressioni frodi dei prodotti agroalimentari (ICQRF) del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali (MiPAAF) rimangono le ASL ai fini dell’accertamento sancito anche dal Reg Ce 625/2017 Infine É stato emanato il decreto legislativo n. 29 del 10/02/2017, che stabilisce la disciplina sanzionatoria per la violazione degli obblighi derivanti dai regolamenti comunitari che normano i materiali e gli oggetti che possono venire a contatto con gli alimenti (MOCA).

> Reg. CE 625/2017 sui Controlli Ufficiali

> Decreto Legislativo n. 27/2017 disciplina sanzionatoria claims sulla salute e nutrizionali


> Schema del Decreto Legislativo etichettatura sanzioni Reg Ce 1169/2011


>Decreto legislativo n. 29 del 10/02/2017 MOCA
 
EQUIPOLLENZA DEI
CARABINIERI DEL NAS
e LE GUARDIE DI SANITA'
AL TECNICO DELLA PREVENZIONE



La notizia è storica.
I Carabinieri del NAS e le Guardie di Sanità con il DECRETO 3 novembre 2011 (Gazzetta del 28 novembre 2011 - n. 277) del Ministero della Salute sono equipollenti al diploma universitario di Tecnico della prevenzione dell'ambiente e luoghi di lavoro, ai fini dell'esercizio professionale e dell'accesso alla formazione post-base.
Le novità sono tante: i Carabinieri del NAS e le Guardie di Sanità ora possiedono le stesse competenze dei Tecnici della Prevenzione delle ASL profilo sancito dal DM 58/1997.
Sono a tutti gli effetti "Professionisti Sanitari"; possono esprimere pareri e valutazioni sanitarie.
Due figure per anni divise, ora finalmente unite, con lo stesso profilo professionale per meglio tutelare la salute pubblica.


E' con grande orgoglio che le motivazioni storiche che hanno portato al decreto di equipollenza, sono state da me trattate per la prima volta in Italia nel mio libro edito dalla casa editrice Photocity: >"Un secolo di vigilanza degli alimenti".

Si aprono quindi grandi opportunità di crescita per tutti i TDP.


>SCARICA IL DECRETO DI EQUIPOLLENZA

>LE COMPETENZE DEL TECNICO DELLA PREVENZIONE

>LEGGI L'ARTICOLO SUL BLOG DEL DOTT PIERO NUCIARI ESPERTO IN LEGISLAZIONE ALIMENTARE
"PROSPETTIVE FUTURE PER UN COORDINAMENTO DI TUTTI GLI ATTORI
COINVOLTI SUL CONTROLLO IGIENICO SANITARIO A LIVELLO LOCALE
(TDP ASl,CC NAS,Polizia Municipale Settore Annona)".
 
"La lotta alle frodi alimentari
in Italia negli anni del “Boom economico”

Articolo imperdibile!
Per capire e comprendere le origini
delle frodi alimentari in Italia.


> > > > SCARICA < < < L'articolo è pubblicato su www.frodialimentari.it
 
IL CASO DEL PANE
AL CARBONE VEGETALE

E' di questi giorni la notizia che il Corpo Forestale dello Stato ha effettuato numerosi sequestri e denunce ai panificatori pugliesi i quali producevano e vendevano pane denominato "nero" utilizzando nella farina carbone vegetale, si tratta di un additivo colorante (E 153).
Venduto e pubblicizzato da tanti panificatori come un prodotto innovativo di tipo salutistico tale da alleviare i disturbi della digestione come l'areofagia ,il meteorismo. In realtà si tratta di una vera è propria frode, il Ministero della Salute e l'Istituto Superiore Sanità ribadisce che non è ammesso l'utilizzo di carbone vegetale nel pane (Reg. CE n. 1333/2008) chi invece vuole utilizzare il carbone vegetale, deve utilizzare gli integratori alimentari, questo perchè gli integratori sono sottoposti a seri controlli sanitari inoltre la confezione devono riportare la frase: “il carbone attivo contribuisce la riduzione dell’eccessiva flatulenza postprandiale”.
Sull’ indicazione in etichetta deve essere obbligatoriamente le modalità di assunzione che specifica come “l’effetto benefico si ottiene con l’assunzione di 1 grammo almeno 30 minuti prima del pasto e di un altro subito dopo il pasto”.
Il blog Pieronuciari esperto in legislazione alimentare è stato uno dei primi in Italia a sollevare le problematiche inerente all'utilizzo improprio del carbone vegetale nel pane e dei pericoli sanitari di chi incorre nel suo utilizzo.

> L'articolo da leggere
 
Nota del Ministero della Salute
inerente alle ispezioni congiunte
fra ASL Servizi SIAN/SVET e altre organismi (Corpo Forestale,Polizia di Stato ecc.)nel campo della Sicurezza Alimentare
relativa alla programmazione e al coordinamento.



>LEGGI L'ARTICOLO SUL BLOG DEL DOTT PIERO NUCIARI ESPERTO IN LEGISLAZIONE ALIMENTARE
"Le ispezioni congiunte fra ASL e le varie Forze di Polizia nel campo della Sicurezza Alimentare".


>DECRETO-LEGGE 9 febbraio 2012, n. 5 Disposizioni urgenti in materia di semplificazione e di sviluppo
Vedi art. 14, commi 1 e 4 dove si parla di coordinamento e
programmazione dei controlli a livello statali, regionali e locali.

>SCARICA IL DOCUMENTO
 
Rintracciabilità e autocontrollo
dei funghi selvatici

> Scarica la lezione "Rintracciabilità e autocontrollo dei funghi spontanei" del Dr Giovanni Rossi TDP
 
GUIDA ALLA PREVENZIONE DALLE INTOSSICAZIONI
Realizzato dalla Dr.ssa Francesca Assisi del Centro Antiveleni
di Milano Niguarda con la collaborazione
del Ministero della Salute e dell'Istituto Zooprofilattico
della Lombardia e dell'Emilia Romagna.

> Scarica GRATIS il manuale dal sito appuntidimicologia.blogspot.it
 
CONVEGNO ECM
“ FUNGHI DEL TERRITORIO VALLI TARO E CENO:
COME CONSUMARLI IN SICUREZZA"


Organizzato dall'ASL di Parma e patrocinata
dall'UNPISI e dal Centro Studi della Flora Mediterranea.

Si è tenuto a Bedonia nel seminario di Bedonia (Parma) l'evento
“I funghi del territorio Valli Taro e Ceno: come consumarli in sicurezza” con esperti di fama nazionale.

Si è parlato del porcino IGP di Borgotaro e dei valori nutrizionali dei funghi selvatici, delle nuove sindromi emergenti e della gestione
clinica degli avvelenamenti da funghi.

Ampio spazio è stato dato anche al tema della sicurezza alimentare
alla luce dei nuovi Regolamenti Comunitari 882/2004 -625/2017
e della funzione degli ispettorati micologici dell’Ausl e
della figura del Micologo Pubblico e delle prospettive future di questo operatore nel SSN.
A seguire l'intervento del Segretario Regionale UNPISI ER sul riconoscimento
delle competenze del Tecnico della Prevenzione

SCARICA IL MATERIALE DELL' EVENTO:


>RELAZIONE DOTT ROSSI GIOVANNI SUL RUOLO DEL MICOLOGO PUBBLICO E DELLE PROSPETTIVE FUTURE NEL SSN

> INTERVENTO DOTT STEFANO SGHEDONI SEGRETARIO ER UNPISI SUL RICONOSCIMENTO DEI TECNICI DELLA PREVENZIONE

> SCARICA COMUNICATO STAMPA UNPISI

> SCARICA ARTICOLO GAZZETTA DI PARMA 18.1017

> SCARICA ARTICOLO GAZZETTA DI PARMA 21.10.2017

>Scarica lettera del Segretario Regionale UNPISI alle istituzione Regionali

 
INTERVISTA
RADIO CAMPUS CUSANO


Cultura e Cucina. Quando il cibo incontra il sapere

(29 settembre 2017)

Intervista al dott Giovanni Rossi Micologo Tecnico della Prevenzione
sulle problematiche riguardanti l'acquisto di
funghi extracomunitari e relativi pericoli sanitari.



> ASCOLTA L'INTERVISTA
 
E’ opinione diffusa ,fra i Tecnici della Prevenzione
che operano nei Servizi S.I.A.N. delle Az USL
che il controllo ufficiale
sia esclusivamente quello di tutelare la salute della popolazione
attraverso la prevenzione dei rischi sanitari legati all'alimentazione.
Ma il Regolamento (CE) n. 882/2004 all’art. 1 lett- "b",
sancisce che il controllo ufficiale degli alimenti deve
anche garantire le pratiche commerciali leali e tutelare
gli interessi dei consumatori, comprese l’etichettatura
e degli alimenti e altre forme di informazione dei consumatori.



> Leggi l'articolo "Il controllo dell’etichettatura dei funghi secchi e conservati"
Vai alla sezione Micologia Ispettiva
 
- ALLARME AVVELENAMENTI-
-MORIRE PER UN PIATTO DI FUNGHI-

Due coniugi brianzoli raccolgono
l'Amanita phalloides scambiandole per comuni prataioli.
Ricoverati in rianimazione, lui non ce l’ha fatta

> LEGGI IL COMUNICATO UNPISI PER PREVENIRE GLI AVVELENAMENTI
 
ARTICOLO:
Dall’unità a oggi:
la salute degli italiani tutelata dai
Tecnici della Prevenzione


(06 Luglio 1890 - 06 Luglio 2017)

SCARICA ARTICOLO

 
ALLARME DERMATITE da Shiitake crudo

La Direzione generale della concorrenza, del consumo e della repressione delle frodi (DGCCRF) Francese
ha segnalato che il consumo di Shiitake crudo (Lentinus edodes) può essere pericoloso per la salute dei consumatori
Il consumo di questo fungo crudo o poco cotto nell’arco di 48-72 ore dalla sua ingestione, può causare una dermatite tossica (eritema flagellato) costituita da papule o vescicole a disposizione lineare di aspetto flagellato estremamente pruriginose e da piccole lesioni in tutto il corpo. Questa reazione può avvenire tre giorni dopo il consumo e richiedere fino a 15 giorni per guarire.
La causa è dovuta ad un polisaccaride conosciuto come lentinano, termosensibile (viene decomposto al calore) contenuta nel fungo.
Pertanto i funghi devono essere sempre ben cotti prima del loro consumo !
 
Frodi Alimentari
Il Ministero della Salute ha pubblicato sulla G.U. n. 51 del 1 marzo 2013
l'elenco delle sentenze penali passate in giudicato e pervenute nell'anno
2011 a carico di produttori e ditte alimentari condannati
per reati di frode e sofisticazioni
> Vai al seguente link!!
 
Pericolo solfiti
nei funghi freschi

La direzione per l’Igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione del Ministero della Salute ha inviato una nota ai vari uffici ispettivi per la presenza di solfiti in una partita di funghi freschi coltivati “Pleurotus eringi” denominato comunemente "Cardoncello" di origine Coreana.

I funghi commerciali erano venduti con etichettatura irregolare con la dicitura “Agaricus” e “Origine Italia”.
Quanto sopra si configura una frode sull’origine del prodotto e sull’identificazione della specie fungina, tale da indurre il consumatore in convinzioni ingannevoli sulla sua origine in violazione agli art. 515 e del 517 del Codice penale.
Oltre alla “Truffa alimentare” si configura anche una “Frode Sanitaria” a causa della presenza di solfiti nel prodotto alimentare, tale additivo non era dichiarato in etichetta e comunque il suo impiego è vietata per i funghi freschi.

I solfiti (anidride solforosa) conosciuta con la sigla (E220 o siglati come E221 fino ad E228) sono sostanze utilizzate come conservanti fin dall’ antichità, è un conservante ed evita l’ossidazione dell’alimento viene utilizzata comunemente nei vini, frutta secca e gamberi.

I solfiti possono causare al consumatore ignaro e intollerante ai solfiti possibili danni per la sua salute si va da attacchi asmatici, orticaria e in alcuni casi si arriva allo shock anafilattico.

Nel caso specifico il suo uso fraudolento serviva per allungare i tempi di conservazione e rendendo più appetibile alla vista il prodotto “freschezza”.
L’invito del Ministero della Salute è di alzare il livello di controlli non solo sui funghi freschi ma anche su quelli essiccati di provenienza extracomunitaria.

> SCARICA LA NOTA DEL MINISTERO DELLA SALUTE
 
TRAGEDIA SFIORATA ]
OVULI DI AMANITA PHALLOIDES FRAMMISTI CON AMANITA CAESAREA

> L'UNPISI SCRIVE AL MINISTERO DELLA SALUTE

----------------------------------------------------------------------------
L'UNPISI ha scritto al Ministro della Salute B. Lorenzin e alla Direzione generale Alimenti del Ministero stesso in merito all'appropriatezza e dell'indipendenza delle certificazioni pubbliche per la vendita al dettaglio dei funghi epigei freschi espresse da professinisti privati alle dipendenze delle Imprese alimentari. Alla luce delle esperienze connesse alle attività di vigilanza nonchè ai recenti fatti accaduti, riteniamo che tale funzione pubblica, molto delicata per la Salute del cittadino, possa difficilmente essere espressa con la dovuta obiettività da professionisti diversi dai Micologi pubblici in regime di diretta dipendenza delle imprese alimentari, non solo per il pericolo, seppur rilevante della possibile commistione con specie tossiche/velenose (che potremmo auguratamente ricondurre a eventi comunque accidentali e d'infortunio) ma in particolar modo per la qualità merceologica dei prodotti messi in commercio. A tal proposito andrebbero riviste le normative regionali che in tale direzione hanno legiferato diversamente a quanto prescritto dalla norma nazionale -

> SCARICA LA LETTERA DELL'UNPISI INVIATA AL MINISTERO DELLA SALUTE

----------------------------------------------------------------------------
> RISPOSTA DEL MINISTERO DELLA SALUTE ALL'UNPISI

La Direzione Generale per l'igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione del Ministero risponde alla nota UNPISI del 23/10 us in merito alle considerazioni da noi espresse successivamente ai fatti che hanno visto la pericolosa commercializzazione di ovoli di Amanita Phalloides nel mercato di Padova. La Direzione Generale condivide le nostre preoccupazioni anche in relazione all'opportunità del perdurare della disomogeneità nazionale in merito alla commercializzazione dei funghi epigei freschi, datta dalle diverse leggi regionali che in materia si sono susseguite e di quanto tali disposizioni regionali possano essere in linea con le norme europee sulla sicurezza alimentare. La Direzione Generale accogliendo la nostra disponibilità collaborativa, porterà tale criticità all'interno delle prossime riunioni del Coordinamento Tecnico interregionale interdisciplinare per la sicurezza alimentare, al quale arriverano anche le nostre osservazioni. Per i rischi connessi alla Salute pubblica la nota della DG conclude con la necessità di valutare in sede normativa il divieto di commercializzazione/vendita dei funghi del genere Amanita allo stadio di ovoli.
----------------------------------------------------------------------------

IL GRAVE EPISODIO ACCADUTO AL MERCATO DI PADOVA


Due primordi di Amanita phalloides (Ovolo) erano frammisti in una cassetta di ovuli buoni in vendita presso il mercato generale di Padova. La cassetta era certificata da un micologo di un'azienda alimentare trevigiana.
Il rinvenimento è avvenuto dai micologi pubblici dell'ASL 16 di Treviso, la partita è stata sequestrata e denunciata all'Autorità Giudiziaria la ditta e il micologo che ha certificato la commestibilità.

Fino a pochi anni fa il controllo dei funghi freschi spontanei era obbligatoriamente affidato alle Aziende USL o meglio la legge nazionale (legge 352/93 e DPR 376/95) ancora affida alle AzUSL, ma nonostante questo ogni regione ha legiferato in questo settore estendendo ai micologi non pubblici il controllo sul commercio.


----------------------------------------------------------------------------
Vorrei sottolineare due aspetti: il primo che il legislatore nazionale aveva assegnato al pubblico la certificazione al commercio dei funghi freschi per offrire maggiore garanzie ai consumatori come avviene ancora oggi ad esempio per il controllo nel settore animale veterinario nei macelli; il secondo aspetto nonostante numerose sentenze dei giudici di lavoro ( riconoscimento economico e inquadramento), il Ministro della Salute non considera ad oggi la figura del “micologo” una professione sanitaria. Il micologo che opera quindi nel privato non ha nessun obbligo di formazione e aggiornamento (ECM) previsto invece per gli operatori sanitari, inoltre non dispone di un Ordine professionale che dovrebbe garantire la qualità delle attività svolte dai professionisti.

> LEGGI ARTICOLO PUBBLICATO su "La Tribuna di Treviso: Funghi mortali al mercato Erano mescolati agli altri"
 
- ALLARME AVVELENAMENTI-
Le grandi piogge hanno creato le condizioni ideali per la fioritura dei funghi.

A Corigliano Calabro (Cosenza) due persone sono morte consumando funghi citotossici scambiati per comuni prataioli.
Non è pensabile che nel 2014 si possa ancora rischiare di morire per un piatto di funghi !


> SCARICA IL COMUNICATO STAMPA DELL'UNPISI - ALLARME FUNGHI TOSSICI -

Si ricorda che esistono in ogni ASL nazionale gli Ispettorati Micologici dove operano gli Ispettori Micologi che svolgono l'attività di cernita dei funghi per i raccoglitori, il servizio è completamente gratuito.
Un breve video sulla pericolosissima e micidiale Amanita phalloides che ogni anno provoca gravi intossicazione
fino alla morte degli ignari consumatori.


 
----------Area qualità Tdp----------

AUDITOR TECNICO DELLA PREVENZIONE
La rivoluzione dei Servizi Ispettivi e
il ruolo del Tecnico della Prevenzione


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
Linee guida sul controllo ufficiale
dei Servizi Ispettivi del S.S.N.


Pubblicato sulla G.U. del 27 marzo 2013 l'Accordo Stato-Regioni del 7 febbraio 2013 sulle Linee guida per il funzionamento ed il miglioramento dell' attività di controllo ufficiale da parte del Ministero della Salute,
delle Regioni e delle AASSLL in materia di sicurezza degli alimenti e sanità pubblica veterinaria
> Scarica le linee guida sul controllo ufficiale
nel campo della sicurezza alimentare dei Servizi Ispettivi del S.S.N..

 
DISINFORMAZIONE
MICOLOGICA !

Per evitare gli avvelenamenti da funghi è necessario
una corretta informazione rivolta al cittadino, capita
invece che in una trasmissione televisiva si
asserisce che per evitare i funghi tossici
è sufficiente la prova dell'aglio... .

> LEGGI L'ARTICOLO Fonte quotidiano
on line PrimaDaNoi.it





FUNGHI VELENOSI CUCINATI durante la trasmissione
"La Prova del cuoco" RAI 1.


Recentemente il caso ancora più grave è avvenuto il 22 maggio
scorso durante la nota trasmissione RAI "La Prova del Cuoco"
condotta da Antonella Clerici è stato preparato un piatto
utilizzando la Gyromitra esculenta specie tossica che
provoca una particolare sindrome a lunga latenza denominata appunto
“Sindrome Gyromitrica” la quale può provocare anche la morte.

Questa è la dimostrazione che nonostante esiste una rete
capillare di esperti micologi che operano in tutte le AUSL
nazionali i mezzi di informazione non solo né ignorano l’esistenza
(il servizio è completamente gratuito !) ma addirittura
danno informazioni gravi ai consumatori incentivando il consumo
di specie citotossiche !.
> LEGGI L'ARTICOLO Fonte > ILFATTOALIMENTARE.IT
 
Aggiornato il Registro Nazionale Micologi
E' stato aggiornato con il

Decreto dirigenziale 5 MARZO 2015
Registro nazionale dei soggetti che hanno conseguito l'attestato di
micologo, in applicazione dell'art. 5, comma 4, del decreto 29
novembre 1996, n. 686.
>Consulta il registro nazionale dei Micologi pubblicato dal Ministero della Salute
 
Sanzioni dell’articolo 18 del D.Lgs 109/92
alle violazioni delle disposizioni del regolamento UE 1169/2011.




Scarica la circolare del 6 Marzo 2015 del Ministero dello Sviluppo Economico nella nota viene riporta una tabella “di concordanza” tra le violazioni previste dal D.Lgs. 109/92 e il nuovo regolamento UE, in attesa che il D.Lgs. 109/92 verrà abrogato.
 
Evoluzione del controllo ufficiale
degli alimenti in Italia


>Leggi l'articolo pubblicato sul numero 2 di Febbraio della rivista
Eurocarni, 2010
 
Dal ’96 al 2016 il Decreto 686
compie vent’anni.
Il Micologo tra luci e ombre


Articolo imperdibile!

Per capire e comprendere.
-Scarica l'articolo-
 
RELAZIONI
CONVEGNO UNPISI Uno Sguardo verso il futuro.

Il Tecnico della Prevenzione
La figura del Tecnico della Prevenzione vive un momento storico di profonda trasformazione.

Dopo ben un secolo e mezzo dall’istituzione di questa professione con la Legge Lorenzin il Tecnico della Prevenzione avrà ora un proprio ordine, ma non solo, i nuovi regolamenti comunitari estendono ulteriori competenze e responsabilità nell’attività del controllo ufficiale.

Questa iniziativa vuole fare il punto della situazione di questo professionista partendo dall’ambito lavorativo, le competenze del passato e quelle attuali e interrogandosi sulle prospettive future e sulle sfide che ci attendono con l’istituzione dell’ordine.

(EVENTO PARTECIPAZIONE GRATUITA)

16 marzo 2018
Sala parrocchiale “Beato Andrea Ferrari”
Piazza Picco, 1 PARMA

>SCARICA LOCANDINA EVENTO
>SCARICA SCHEDA ISCRIZIONE
> COME ARRIVARE ALLA SEDE DELL EVENTO



>SCARICA LE RELAZIONI


 
Il primo libro in Italia
che racconta la storia del Vigile Sanitario


Edizione rivista ed ampliata
Ad appena due anni dalla prima pubblicazione quest’opera attraverso documenti inediti, si arricchisce di nuovi approfondimenti, in particolare su alcune inchieste scottanti dei cosiddetti “pretori d’assalto” affidate ai Vigili Sanitari negli anni Settanta dal caso “Coca Cola” al colorante rosso amaranto (E 123); si affronteranno poi gli intrecci perversi tra politica, affari e massoneria deviata che ha portato negli anni Ottanta a depotenziare l’attività ispettiva, il corpo dei Vigili Sanitari fu sciolto e trasferito nelle USL, persero nell’arco di pochi anni la loro identità e autonomia, nel totale silenzio delle istituzioni. La colpa non fu tanta dalla prima riforma sanitaria, ma della lottizzazione delle USL, dalla voracità dei politici della prima Repubblica, dei poteri occulti i quali mal sopportava l’opera del personale ispettivo nel contrasto delle frodi alimentari, nei traffici illeciti di rifiuti e di farmaci ecc. . Furono numerosi i tentativi per limitare a questo personale la qualifica d’ufficiale di polizia giudiziaria e tagliare quel filo diretto con la magistratura. Verso la metà degli anni Novanta grazie alla lotta di pochi ma agguerriti colleghi, fu istituito il nuovo profilo del Tecnico della Prevenzione.

Libro: Bianco e Nero
Titolo: Un Secolo di Vigilanza sugli Alimenti.Dal Vigile Sanitario al Tecnico della Prevenzione.
Formato: 14,8 x 21 (A5)
Copertina: Morbida
Pagine: 183
Autore: Giovanni Rossi
Editore: Photocity.it Edizioni
Prezzo di copertina: €14.00
ISBN 978-88-6682-477-0


> VEDI IL BOOK TRAILER <


> Puoi acquistare il libro direttamente presso la casa editrice Boopen (nuova edizione)


IL LIBRO E' IN VENDITA PRESSO LE SEGUENTI LIBRERIE ON LINE con ulteriori sconti !

> LA FELTRINELLI

> MONDADORI STORE

> IBS.IT

> LIBRERIAUNIVERSITARIA.IT

> SAN PAOLO STORE

> WUZ Il libro in rete

> AMAZON.IT

> EPRICE.IT

> SUPERBOOK.IT

> GOODBOOK.IT

> LIBRACCIO.IT

PARLANO DEL MIO LIBRO:

> COMUNICATO U.N.P.I.S.I. (Unione Nazionale Personale Ispettivo Sanitario d'Italia)

> Comunicato POLIZIA MUNICIPALE.IT

> Articolo pubblicato su Eurocarni
 
Polizia Locale di Trento
Servizio Micologico








(Foto Corpo Polizia Municipale di Trento Micologi)

E' dagli inizi degli anni Cinquanta che la Polizia Municipale di Trento si occupa della cernita e certificazione dei funghi in vendita, ma fornisce anche consulenze ai cittadini per la verifica della commestibilità dei funghi raccolti per il consumo personale.

Unico caso in Italia, "Provincia Autonoma di Trento" in quanto dopo la prima riforma sanitaria nel 1978 i Vigili Sanitari Micologi che operavano nel corpo della Polizia Municipale vennero trasferiti nelle allora USL, oggi Tecnici della Prevenzione e continuano come allora a svolgere i loro compiti ispettivi e di controllo sugli alimenti e micologico presso gli "Ispettorati Micologici" delle Aziende USL Nazionali.

SCARICA L'OPUSCOLO "SICUREZZA ALIMENTARE SUL CONSUMO DEI FUNGHI" PUBBLICATO DAL CORPO DELLA POLIZIA MUNICIPALE DI TRENTO
 
Dossier da scaricare
"I rischi sanitari dei funghi
porcini extracomunitari" Dr Giovanni Rossi


> Scarica il documento in PDF "I rischi sanitari dei funghi porcini extracomunitari";


> Scarica il documento in PDF "Estensione del sistema HACCP alla produzione primaria con particolare riferimento ai prodotti di origine vegetale".
 
Intervista su Radio RAI 1
Intervistato da Radio Rai 1
su aspetti legati ai funghi ed alla professione.




> Ascolta l'intervista integrale su RADIO rai-podcast-radio1 al seguente link
https://player.fm/series/rai-podcast-radio1-22641/tra-poco-in-edicola-del-13102016-7-il-fungo-segreti-e-ricette
 
Il provvedimento
di sospensione
e le competenze
del Tecnico della Prevenzione



Presenza di escrementi di ratti, acqua contaminata da feci, alimenti in cattivo stato di conservazione ecc. .
Sono alcuni esempi di gravi infrazioni igienico sanitarie riscontrate nel corso dell'attività ispettiva dei Tecnici della Prevenzione
dei Servizi SIAN/SVET delle ASL; la conseguenza di queste
gravi infrazioni sono: sanzioni amministrative e penali, provvedimenti impositivi come la sospensione immediata
o la chiusura in toto o in parte dell’azienda alimentare interessata.... .


> Leggi tutto l'articolo vai alla sezione Polizia Giudiziaria T.d.P.
 
UN


Oggi 01 giugno 2018 un'altra sentenza a favore degli Ispettori Micologi del Servizio Sanitario Nazionale quella
del Tribunale Della Spezia (nº 702 del 2017 R.G.L.)


>LEGGI IL COMUNICATO

Un altra sentenza: Sentenza n. 1161/2018 pubbl. il 14/03/2018 RG n. 12074/2012 IL TRIBUNALE DI CATANIA RICONOSCE LE MANSIONI SUPERIORI e al pagamento delle differenze retributive tra il livello di appartenenza e quello di cui al superiore livello DS

PER I MICOLOGI PUBBLICI

Oggi per me è una grande vittoria morale, ho sempre detto e ribadito il ruolo delicato e di alta responsabilità del micologo pubblico, ma tutte le volte che chiedevo un giusto riconoscimento, ho sempre trovato le porte chiuse !

Nonostante le numerose lettere inviate alle istituzioni e ai Sindacati CGIL CISL e UIL come UNPISI NON ho mai ricevuto ALCUNA risposta!

Nel 2006 presi la decisione non facile e travagliata di scontrarmi con la mia ASl assieme a quattro intrepidi colleghi, andare in giudizio davanti al Giudice del lavoro, nel 2008 il giudice del lavoro di Parma ci diede ragione (Sentenza 239/08).
Ora sempre nella stessa regione una seconda sentenza (728/13 del Tribunale di Bologna) ha nuovamente ribadito la mansione superiore del micologo ai colleghi dell'ASL di Bologna inquadrabile in Ds Super.>Leggi il parere.
NOTA: Le sentenze riconoscono lo svolgimento di mansioni superiori con il riconoscimento economico, peraltro al livello DS ; si precisa che comunque il giudice NON può attribuire automaticamente d'ufficio un livello ma solo il correspettivo economico, la battaglia da fare è quindi il riconoscimento a livello economico giuridico in ambito nazionale per questa figura.
Per tutti i micologi pubblici oggi è una grande vittoria, ora le istituzioni preposte le ASl, le OOSS non possono rimanere indifferenti.
> Leggi nota.> SCARICA ACCORDO INCENTIVANTE MICOLOGI ARPA EMILIA_ROMAGNA 2013

Cordialmente dr Giovanni Rossi
------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
> LETTERA PUBBLICATA SU QUOTIDIANO SANITA

> LETTERA PUBBLICATA SU QUOTIDIANO SANITA'

Micologo: una professione di alta specializzazione in cerca di riconoscimento
 
Lettera UNPISI per riconoscimento Micologi SSR

Richiesta della Segreteria Regionale e Nazionale U.N.P.I.S.I
sul riconoscimento delle mansioni svolte dagli Ispettori Micologi
presso gli Ispettorati Micologici delle Ausl Regionale dell'Emilia Romagna.

> Scarica la lettera
 
Sito UNPISI Area Micologia TdP
L'Unpisi(Unione Nazionale Personale Ispettivo sanitario d'Italia)è l'associazione nazionale
rappresentativa dei Tecnici della Prevenzione
in ambito nazionale,vai sulla pagina riservata all'area micologia, ricca di informazione, collegati !


---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
 
.







Tutto il contenuto del presente sito deve intendersi come libera espressione di opinioni ed idee, non contiene informazioni aggiornate con cadenza periodica regolare: pertanto, non essendo il presente un "prodotto editoriale" non si applicano le disposizioni di cui all'art. 2 della Legge 8 febbraio 1948 n. 47 (art. 1 comma 3 della Legge 62/2001). E’ vietata la riproduzione, totale o parziale, con qualsiasi mezzo anologico o digitale, senza il consenso scritto del curatore. I testi degli atti ufficiali dello stato e delle amministrazioni pubbliche –italiane e straniere- non sono coperti da diritti d’autore (art. 52 l. 22 aprile 1941, n.633) I documenti pubblicati su questo sito non rivestono carattere di ufficialità. Si declina ,pertanto, ogni responsabilità per eventuali errori ed omissioni.
Dott. Giovanni Rossi per contatti: micologi@ispettorimicologi.it
"Sito Tecnici della Prevenzione Ispettori Micologi"
 

Siti Web personalizzati di Euweb.it